Una cornice da sogno

Pubblicato il | Storia e dintorni | Vita a Palazzo

Quando è l’alba, mentre i nostri ospiti dormono ancora, attraversiamo Palazzo per raggiungere la sala colazioni. È in quei momenti che il silenzio ci fa apprezzare ancora di più l’atmosfera dei saloni e degli spazi comuni e il pensiero vola spesso a qualche secolo fa. È davvero strano, e meraviglioso, pensare a quanti passi prima dei nostri hanno percorso lo scalone settecentesco, quante mani hanno spinto le porte o abbassato le maniglie. E chissà a quanti ricevimenti queste mura hanno fatto da sontuosa cornice. Di sicuro la famiglia nobile che abitava questo edificio nel ‘700 avrà organizzato innumerevoli banchetti, ospitato amici e visitatori, offerto rinfreschi in giardino.

E allora è un attimo far volare la fantasia al fruscio degli abiti da sera, alla musica dell’orchestra, al chiacchiericcio nelle stanze, al tintinnio di posate e bicchieri.

È con questo pensiero che siamo sempre molto onorate quando qualcuno ci sceglie per i suoi momenti felici. Che siano romantiche cene tête-à-tête (ci è capitata anche una proposta di matrimonio!), cene di famiglia, cerimonie, meeting aziendali o matrimoni… Palazzo Novello adora trasformarsi da hotel di charme a location per eventi suggestivi. Ci sentiamo in missione, come se stessimo proseguendo un percorso iniziati da altri, in cui le parole chiave sono ospitalità, calore e accoglienza.

E, scorrendo all’indietro il calendario, di occasioni ce ne sono state tante, tutte da ricordare con soddisfazione.

La più recente è stata «Cena a Palazzo», organizzata in collaborazione con il ristorante Dal Dosso Salamensa di Montichiari. Un centinaio di ospiti ha preso parte a una cena esclusiva, servita in giardino a lume di candela. L’atmosfera era magica. Una delle poche sere, e secondo noi non è stato un caso, in cui il caldo dell’estate ha solleticato il giardino, a dispetto di una stagione fitta di piogge.

E la cena di quella famiglia nel salone nobiliare? Quella sera, grazie al servizio di Dal Dosso Salamensa e all’allestimento curato dalle stupende Ilamalù, sembrava di essere in una dimensione parallela. Davvero emozionante. Era una cena a sorpresa per un cinquantesimo anniversario di matrimonio: è stato commovente poter contribuire a un festeggiamento così bello e sentito.

E voi? Cosa aspettate a fare di Palazzo Novello lo scenario perfetto per i vostri ricordi?


Rispondi